Biologia come ideologia: la dottrina del DNA by Richard C. Lewontin

By Richard C. Lewontin

Lewontin affronta, in termini accessibili a tutti, il problema del senso generale della ricerca scientifica. l. a. scienza è innanzi tutto una istituzione sociale, più precisamente quella che nell'età moderna ha sostituito l. a. Chiesa come fonte di legittimazione del potere. Non si tratta solo dei colossali interessi coinvolti, ma anche dell'ideologia implicita nella scienza biologica, in step with cui, da Darwin a oggi, si è passati dal determinismo ambientale al riduzionismo genetico sulla base della medesima separazione tra individuo e ambiente. Separazione alla quale l'autore oppone los angeles propria concezione interattiva in step with cui gli organismi producono il loro ambiente e i geni sono soltanto alcuni degli elementi che fanno di un individuo quello che è.

Show description

Read Online or Download Biologia come ideologia: la dottrina del DNA PDF

Similar italian_1 books

Giorgio Vasari's Prefaces: Art and Theory. With a foreword by Wolfram Prinz

Giorgio Vasari’s Prefaces: paintings and concept presents scholars and students alike with the chance to check and comprehend the paintings, idea, and visible tradition of Giorgio Vasari and 16th century Italy. For the 1st time all of Vasari’s Prefaces from the Lives of the Artists (1568) are incorporated translated into English in addition to within the unique Italian.

I miti ebraici

In questo quantity, apparso alcuni anni dopo il successo dei Miti greci, Robert Graves si suggest di esplorare, con gli stessi intendimenti e avvalendosi della collaborazione di Raphael Patai, il patrimonio mitologico rintracciabile nel Libro della Genesi, ricollegandolo alle tradizioni greche, mesopotamiche, persiane ed egiziane.

Extra info for Biologia come ideologia: la dottrina del DNA

Example text

Non bastano i missili, bisogna puntare allo Scudo spaziale, alle Star Wars: chi non ha queste fiches è fuori dal gioco. Sono gli ultimi istanti di parità militare e politica. Un giocatore ha finito la dote. L’orologio di Chicago, quello del “Boulletin of Atomic Scientist” segna un minuto alla mezzanotte. Davanti a quel panno verde c’è chi sta perdendo tutto, definitivamente. Potrebbe perdere anche la testa, potrebbe non accettare la sconfitta a tavolino, peraltro al buio. Ma il destino ha messo in quella partita un laico in grado di essere responsabile o comunque nelle condizioni di dovere esserlo.

Atomica Alberto Abruzzese, Luigi Caramiello Il 6 agosto 1945, per risolvere la seconda guerra mondiale, le città giapponesi di Hiroshima e Nagasaki furono rase al suolo. Sappiamo dunque del significato storico che la bomba atomica ha avuto. Si tratta di capire quale senso abbia acquisito dopo la fine della guerra fredda, quando il mondo è entrato in un periodo di disgelo e di cooperazione fra le superpotenze del pianeta. È evidente che la minaccia di una guerra nucleare globale, vissuta durante tutti gli anni Ottanta, si è andata spegnendo.

Il termine più adatto per connotare le biotecnologie è probabilmente “tecnoscienze”, parola composta che ne sottolinea in maniera efficace il carattere ibrido situandole a metà strada tra la conoscenza scientifica (e dunque la dignità che si conviene a una disciplina che abbia lo statuto di scienza) e la competenza tecnologica, l’abilità da esperti artigiani e “costruttori” del vivente di cui sembrano essere dotati i ricercatori del settore. Per fugare ogni dubbio ed evitare confusioni bisogna poi aggiungere che le biotecnologie non sono tecniche fantascientifiche che consentono la clonazione degli individui o la creazione di Creature progettate per soddisfare i desideri dei dottor Frankenstein dei nostri giorni.

Download PDF sample

Rated 4.37 of 5 – based on 18 votes