Archetipi by Elémire Zolla

By Elémire Zolla

Show description

Read or Download Archetipi PDF

Similar italian_1 books

Giorgio Vasari's Prefaces: Art and Theory. With a foreword by Wolfram Prinz

Giorgio Vasari’s Prefaces: paintings and thought presents scholars and students alike with the chance to review and comprehend the paintings, concept, and visible tradition of Giorgio Vasari and 16th century Italy. For the 1st time all of Vasari’s Prefaces from the Lives of the Artists (1568) are incorporated translated into English in addition to within the unique Italian.

I miti ebraici

In questo quantity, apparso alcuni anni dopo il successo dei Miti greci, Robert Graves si suggest di esplorare, con gli stessi intendimenti e avvalendosi della collaborazione di Raphael Patai, il patrimonio mitologico rintracciabile nel Libro della Genesi, ricollegandolo alle tradizioni greche, mesopotamiche, persiane ed egiziane.

Extra info for Archetipi

Sample text

La balena continuava a dormire, e vedevano che l’isola era come se respirasse; però in genere si interpretava il fenomeno come un’illusione prodotta dal mal di mare e dai tanti giorni di ondeggiamento. Poi s’incamminavano per cercare frutti e acqua dolce. Ma una balena non ha acqua dolce, a meno che sia piovuto e ci siano pozzanghere, e la vegetazione non fa a tempo a dare frutti. Una balena (si legge nella Navigazione di San Brandano) si estende in forma pianeggiante, con il terreno un po’ catramoso e uniforme; vi si trovano anche legni arenati, pezzi e cordame di nave, e così si decide di accendere un fuoco per cuocere i granchi e fare una zuppa di pesce o di alghe.

Dice la prima. » dice l’altra. Il cavaliere a questo punto rinuncia e va via disgustato. L’ircocervo L’ircocervo è uno dei più inesistenti fra gli animali (Plinio lo chiama traghèlafo, e ippèlafo lo chiama Aristotele). Si sa che ha la barba e pelo folto sopra il collo e le spalle. Per il resto è un cavallo con l’aspetto di un cervo, e vivrebbe tra il Caucaso occidentale e il mar Nero, se mai esistesse. Forse è solo un cervo del mare Ircano (il mar Caspio); forse è quello che si trova sui tappeti persiani, come motivo ornamentale.

Qui non si tocca! ». Per le sirene è un gioco. Perché le sirene sono dei pesci, anche di mentalità, e l’aspetto di donna è un caso di mimetismo animale. E anche che cantino, seguendo la scala armonica, è un effetto illusorio. Il loro è tutto un boccheggiare, un sospirare, e un gracidio. Ma capita che se ne possa trovare una solitaria all’estremità di un molo (è raro), emergente col busto, quando sta per venir sera; se un giovanotto la vede le si avvicina, sente odore di pesce, ma le sirene dall’ombelico in su sono sempre bellissime.

Download PDF sample

Rated 4.32 of 5 – based on 37 votes